Social Network: la bolla sta scoppiando?

Non parlo solo di bolla finanziaria ma anche di punto morto superiore dovuto a stanchezza e limite fisico degli utenti.
E’ appena successo con l’edilizia e ricorrentemente accade in tanti settori in espansione: il sistema finanziario ed economico “ha fatto leva” ed ha creato offerta superiore alla domanda con dinamiche di prezzi e costi crescenti con il risultato di creare bolle che inevitabilmente scoppiano, creando problemi che il privato non sa (e non vuole) più gestire, invocando l’aiuto dal “sistema dei sistemi” ovvero il salvataggio pubblico.
Il social network sta seguendo esattamente queste dinamiche…. ed è sotto gli occhi di tutti la ricerca spasmodica di “azioni” atte a produrre la materia prima per vendere pubblicità ovvero le famigerate impressions …. ma l’utente è unico, e premesso che non può passare la giornata sui social e a cercare beni e servizi se non quelli necessari, subentra una saturazione da messaggi e “call to action” che ne “chiude” il cervello e lo rende sempre più impermeabile generando una sorta di saturazione simile al rifiuto del cibo per un anoressico.
Tra l’umorismo e il ridicolo, si inseriscono le congratulazioni e i festeggiamenti di Linkedin.
Indisponente il cambio di logaritmi della visualizzazione delle notizie attuato da Facebook per inserire più pubblicità.
Commovente il tentativo di Google di far partire il social Google+, in crescita, ma in realtà utilizzato da tutti i SEO per cercare di spillare qualche clic in più tra i misteri dei logaritmi di Google.
Emblematico l’accordo tra Twitter e IBM per inventarsi qualcosa di nuovo visto che Twitter è sempre più relegato a utile e poco dispendioso accessorio al servizio dei media tradizionali come TV e Carta stampata o dell’informazione su web.
A scendere, nella classifica che rispecchia le dimensioni del business a Wall Street, i tentativi di carpire numeri di telefono e account da parte di Microsoft, e tutti i vari tentativi di creare appendici “Social” su foto video e qualsiasi servizio offerto su web.
Qualcuno in realtà con un discreto successo come Pinterest o Instagram per le foto, ma è simbolico il successo di What’s App, la cui chiave sta proprio nella creazione di un network privato e reale, quindi immune da tutto quanto esposto sopra.
In tutto questo panorama di bombardamento globale si inserisce una sempre minore efficacia di Banner, video ed altri strumenti di visualizzazione dell’ ADV su web, tradotta in pratica nei primi profit warning della storia di Google.
Non so se è tardi per tornare indietro, e soprattutto se il sistema riesca a rientrare in logiche umane che lascino spazio al “poco ma buono”, e se questo sia in grado di sostenere mirabolanti business plan e gli investimenti già fatti, qualche bel ridimensionamento è alle porte….

L’ ANGOLO DEL DIETROLOGO.

Viene spontaneo chiedersi chi c’è dietro veramente a questa rivoluzione del web: personalmente credo poco alle figure mitiche come Larry Page, Marck Zuckerberg etc….. i veri protagonisti e decisori sono chi ha l’interesse principale di raccogliere qualsiasi tipo di informazione su scala globale, non serve fare nomi …. i mezzi ingenti e altri fattori di pressione necessari a far partire questi progetti, rivelano una regia con poteri che vanno oltre Wall Street e Silicon Valley,  se poi si riesce anche a finanziare il tutto con il mercato globale, che volere di più?

E che vinca il migliore! Il resto lo pagheranno azionisti obbligazionisti etc….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...