EXPO 2015… perchè non cominciamo a lasciare i Milanesi a Casa grazie al telelavoro?

Finora si è parlato di Expo 2015 in chiave edilizia, e visto che il tema è un futuro fatto di sostenibilità ambientale si parla di giardini, orti, laghetti, tetto delle costruzioni in erba o con pannelli solari. Ma perchè non partiamo dal far trovare  ai visitatori  qualcosa di più concreto e radicale oltre agli ennesimi capannoni a Rho Pero? Gli facciamo vedere una città che non si raduna in tangenziale per andare in ufficio a fare quello che può fare da casa? Cominciamo a far muovere i bit e non le persone? Sarebbe una bella sfida fatta non solo con nuove infratrutture ma anche con intelligenza e organizzazione, più di una semplice “mano di vernice”.

Banda ultra-larga: che farne in un paese che fa fatica ad utilizzare i 600k di Telecom?

E’ la domanda che si sono fatti al Vega, il Parco Scientifico di Venezia diretto dal vulcanico Michele Vianello che ha organizzato un concorso per premiare l’idea migliore: ha vinto un giovane ingegnere di 26 anni con un interesssante progetto di virtualizzazione dei desktop. Un modo per ottimizzare e gestire meglio le risorse informatiche che lasciamo descrivere dall’ articolo realizzato da Wired . Ma ci piace pensare ancora più avanti ad un modello (utopia in un paese che non riesce a fornire ancora l’ADSL in zone industrializzate) di sviluppo in cui per lavoro si muovono i bit e non le persone.

Ces 2011 di Las Vegas: Atrix, da Motorola il Device che unisce Smartphone e Notebook

Meglio uno Smartphone o un iPad ? Un Tablet o un Netbook ? Un Notebook o un Kindle ? Tra le novità viste al Ces 2011 di Las Vegas c’è una trovata a mio avviso molto interessante presentata da Motorola, che combina uno smartphone con prestazioni e funzioni avanzate con un Laptop ultrasottile grazie a tastiera e monitor 15″ messi a disposizione da una stupefacente Docking System. Questa soluzione diventa a mio avviso interessante anche in funzione di architetture informatiche che avanzano a ritmo serrato verso il cosidetto “Cloud Computing”, ovvero la filosofia di utilizzare applicazioni che girano nella rete e non in locale. Il sistema ATRIX offre portabilità e potenti periferiche di acquisione nell’ uso “on the road” e  ottima usabilità con gli applicativi web based quando si rientra tra le mura domestiche o in ufficio.  Ho selezionato quindi questo video (un po’ lungo) che dimostra efficacemente la bontà del progetto aiutandomi con  video di Lounge-tek, perchè la collocazione ideale della docking system è sui supporti ergonomici made in Italy che cambiano il modo di utilizzare il computer in ambiente domestico e non solo. 

Non è un tema banale in quanto l’ergonomia d’uso sta diventando il criterio di scelta ultimo delle soluzioni che cerchiamo. La Tecnologia Digitale ha prestazioni e capacità in grado di soddisfare ogni esigenza ma la discriminante nelle scelte dell’ utente è  come e dove, intende usarla.

La libreria del futuro?

Le case in cui viviamo sono espressione  di stili di vita e necessità che tramandiamo dal passato più o meno remoto…
Negli ultimi vent’anni internet sta rivoluzionando il nostro modo di divertirci e comunicare….computer e dispositivi digitali collegati al web ci fanno ascoltare la musica, vedere foto e filmati, leggere comunicare con persone vicine e lontane, scriviamo sempre meno con la penna e ultima frontiera, possiamo leggere da “tavolette” digitali che ci mettono a disposizione con pochi clic migliaia di testi in tutte le lingue. Avranno ancora senso scaffali, comodini, scrivanie, mobili porta-tv e quanto concepiamo da secoli di vita analogica? E’ una provocazione ma qualcosa sicuramente cambierà….dove sono finite le vostre cassette magnetiche?

Nuovi Stili di Vita Digitale

Dall’ invenzione dela ruota in poi abbiamo impostato il nostro stile di vita sul progresso tecnologico, mai come negli ultimi trent’anni , da quando è iniziata la “rivoluzione digitale”, abbiamo assistito a mutamenti socio economici così veloci e a mutamenti repentini della nostra vita quootidiana. In Lounge-tek vogliamo partire dai nostri innovativi prodotti per discutere di come la tecnologia può cambiare il nostro sitle di vita. Viviamo in case concepite per scrivere, telefonare, leggere un libro, guardare la TV, ma questo oggi si fa con un computer: per questo abbiamo ideato dei supporti ergonomici per Notebook che a metà tra l’arredamento tradizionale e l’accessorio, adeguano l’arredamento alle nuove tecnologie.